POS obbligatorio: le multe e le sanzioni amministrative.

Il Pos è obbligatorio.
Già dal 2014; 
per commercianti, professionisti, e artigiani (le “partite Iva”, e non solo).
E le sanzioni non tarderanno ad arrivare.

Ma chi controlla?
E quanto è la multa?

Continua a leggere e saprai tutto:
come, quando e perché.

pos obbligatorio multe sanzioni ammende - studiopcg - pezzoli e carniani geometri in firenze


 1. Chi è obbligato ad avere il Pos?

Se vendi cose o servizi (anche professionali), chi ti paga deve poterlo fare anche con carte di debito e di credito (“salvo casi di oggettiva impossibilità tecnica”).

Quindi se il cliente vuole per forza pagare solo con carta elettronica, l’esercente deve essere in grado di incassare in quel modo (anche il negoziante, l’architetto, il geometra, il commercialista, ecc.).




 2. Perché il Pos deve funzionare anche con le carte di credito?

Per le carte di credito, l’obbligo non c’era.
E’ partito dal primo gennaio 2016.
Con la legge di stabilità.
Che ha apportato alcuni ritocchi e rinviato le decisioni più importanti.
Più avanti vedremo quali.


 3. Cos’è una carta di debito?

Cosa si intende per carta di debito?
Di solito le chiamiamo carte di credito, ma c’è una differenza:
i soldi te li prende subito, o quasi.

Si tratta quindi di bancomat (anzi PagoBancomat), carte prepagate, ricaricabili, ecc.;
(per farti un esempio, quelle più usate sono Postepay, Lottomaticard-Paypal, ecc.).
Tuttavia, secondo questo decreto interministeriale, l’obbligo sarebbe rivolto alle sole carte ricaricabili (quindi – forse –  niente bancomat).


 4. Cosa dice il disegno di legge?

Le sanzioni arriveranno?
Sì.
Ormai è sicuro.
Ma sono in sospeso, ormai da molti mesi.

All’inizio del 2015 era stato presentato un disegno di legge.
Per le pene pecuniarie doveva funzionare così.

  • Arrivava la guardia di finanza.
  • Se non avevi il pos: multa di 500 euro.
  • Se non lo prendevi entro un mese, altri mille.
  • Se ti ostinavi a non prenderlo, chiudevi la tua attività (fino all’adeguamento).

Ma poi non si è saputo più niente.

A un certo punto sembrava quasi che il governo ci volesse mettere mano, con la finanziaria 2016.
Invece no.
O quasi.


 5. Cosa è cambiato con la legge di stabilità 2016?

Con questo provvedimento introduceva alcune modifiche alla questione del pagamento obbligatorio via Pos
Quasi tutte novità prevedibili.
Compresa quella delle ammende.

Infatti era previsto che “l’importo delle sanzioni“, venisse disciplinato entro il 31 Gennaio 2016 con appositi decreti interministeriali
(stiamo monitorando la gazzetta ufficiale, ma ancora niente…).

Quindi:
multe sicure in arrivo.
Ma per adesso non sappiamo il quando, il come e – soprattutto – il quanto.


 6. Qual’è il Pos più economico?

Se hai un’attività in proprio e pensi che il Pos non ti serva a nulla (e vuoi evitare dei costi inutili).
O se i tuoi clienti ti pagano solo con assegni, contanti, o bonifici, c’è anche il Pos senza costi fissi.

Funziona cosi.
Il Pinpad lo paghi alcune decine di euro.
Ma dopo non spendi più niente.
Nessun canone o spesa fissa mensile o annuale.
Spendi solo nel momento in cui il cliente ti paga con la carta.

In quel caso ti versano in banca l’importo dell’articolo o del servizio (prestazione, onorario ecc.), sottraendoti una percentuale come commissione.

Inoltre il Pinpad non necessita di linea telefonica fissa (funziona con lo smartphone, ed una apposita App).

Beh.
Se ancora non ce l’hai, fai meglio a guardarti intorno.
Il momento di adeguarsi è adesso.
La contravvenzione costerebbe sicuramente di più…


 7. Se vuoi saperne di più.

(Pubblicità)


 8. Aggiornamenti.

Quello che hai letto sino ad ora, è stato scritto all’inizio del 2015.
Poi è stato più volte modificato, secondo le ultime novità.

Per ogni ulteriore cambiamento, faremo lo stesso.
Salva questa webpage, e torna ogni tanto per tenerti aggiornato.

– Agosto 2017 il vice ministro Luigi Casero ha annunciato l’arrivo delle multe.

 

 Se vuoi approfondire…

Non sono stato abbastanza esauriente?
Lascia un commento, 
scorrendo in fondo a questa webpage.

Oppure:

RICHIEDI UNA MICRO-CONSULENZA SU QUESTO ARGOMENTO


 Prima di andartene…

Ti volevo solo dire – se non lo sai già – che StudioPCG è uno studio di geometri con sede in Firenze (ci potrai conoscere meglio cliccando sul link).

Oppure seguendoci attraverso il tuo canale preferito, cliccando sui link qui sotto:

Facebook
LinkedIn
Google+
Twitter
Pinterest
Tumblr 
Flipboard
Reddit

Inoltre:
se questa pagina web ti sembra utile, 
puoi condividerla nel tuo social preferito
cliccando sui bottoni qui sotto.


 La tua opinione.

Adesso tocca a te.
Ti sembra giusto che il Pos sia obbligatorio?
Sapevi delle multe in arrivo?
Hai qualche suggerimento?

Aiutaci a rendere più completa questa pagina web, migliorandola con la tua esperienza, a beneficio di tutti.
Puoi farlo anche adesso, lasciando un commento nell’apposito spazio,
in fondo alla pagina.

© 2015-2017 Gabriele Carniani – Riproduzione riservata

Ultimo aggiornamento: [rup_display_update_date]

image credits:
courtesy of Mr. Frankie Leon through flickr
here the licence    

Gabriele Carniani
Social

Gabriele Carniani

Consulente immobiliare e tecnico legale di lunga esperienza.
Da alcuni anni è molto attivo sul web.

Scrive per StudioPCG ed altri siti del settore.
Ha fondato diversi gruppi di discussione tra cui:

Tecnici Forum
CTU Forum.

Puoi trovarli su LinkedIn, Facebook e Google+.
Gabriele Carniani
Social
Taggato , , , , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

2 risposte a POS obbligatorio: le multe e le sanzioni amministrative.

  1. leonardo tezza dice:

    No, il POS non mi sembra assolutamente utile. E’ un taglieggiamento

    • Gabriele Carniani dice:

      Carissimo Leonardo Tezza

      Ti capisco.
      Il POS obbligatorio
      non è un boccone facile da buttar giù.
      Ma secondo me non c’è niente da fare.
      Prima o poi ci si deve adeguare.
      E quindi,
      meglio farlo prima che arrivino guai peggiori.

      A presto

      Gabriele Carniani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

  • Come ripubblicare i nostri contenuti:

    Ai sensi della Legge 62/2001, possiamo dichiarare che il nostro blog non è una testata giornalistica. Infatti i contenuti vengono redatti e trasmessi senza periodicità. Tutti i contenuti sono comunque protetti dal diritto di autore. Con il nostro permesso possono essere copiati e ripubblicati, ma solo seguendo le semplici istruzioni che riceverai contattandoci con l'apposita webpage (menu/contatti).