Pct: il giuramento telematico

Un CTU può giurare via internet?
Da qualche tempo la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari del Tribunale di Firenze, adotta un metodo molto pratico ed efficiente che esime il CTU dal recarsi in Tribunale per l’udienza di giuramento.


Sebbene la prassi sia circoscritta a coloro che vi collaborano, si ritiene che – per la sua praticità – possa rivestire un interesse generale. 
Di seguito riportiamo le varie fasi da seguire passo passo affinchè la procedura vada a buon fine al primo tentativo.



1. Le fasi del giuramento telematico.

1) dopo la nomina del Giudice,
al CTU arrivano uno o più messaggi di Posta Elettronica Certificata (PEC)

2) vi saranno diversi allegati: meglio scaricarli tutti

3) tra gli allegati scaricati va individuato quello in formato pdf
(talvolta occorre estrarlo da uno zip)

4) si dovrebbe trattare di un solo file pdf, composto da alcune pagine, in cui ci sono:

  • la nomina, 
  • il quesito cui rispondere, 
  • un fac-simile di tabella riepilogativa 
  • un fac-simile dell’accettazione del mandato (che quindi dovrebbe essere all’ultima pagina)

5) si riscrive il solo contenuto di quest’ultimo, aprendo un nuovo file con un editor di testo qualsiasi (p.e. word, openoffice, ecc.)

6) si completa coi dati del CTU

7) e poi si salva in formato pdf nativo (importante: non va stampato  per poi essere acquisito da scanner o simili, altrimenti non arriverà mai alla cancelleria)

 


2. L’inserimento nella busta telematica.

8) poi – attraverso il redattore atti di un PdA (cioè un Punto d’Accesso al PCT,
se vuoi saperne di più, puoi cliccare sulla scritta azzurra) – va acquisito come “Atto non codificato/Atto generico” 

9) dopo va acquisito anche il pdf già ricevuto (come allegato ad una delle PEC di cui al precedente punto 1),  impostandolo come allegato generico dell’atto principale  (cioè quello di cui al punto 8), anche detto “atto successivo”)

10) poi si firma l’atto principale ed il file xml (se possibile meglio non firmare l’allegato di cui al precedente punto 9)

11) si crea la busta telematica e si invia tramite il PdA, oppure si invia in tribunale con una PEC che abbia certi requisiti (per sapere quali clicca sul link azzurro);

 


3. Dopo l’invio.


12) dopo l’invio si ricevono quattro messaggi di PEC di ricevuta (alcuni subito o quasi, e cioè quelli automatici).

Dopo aver ricevuto il quarto messaggio,  volendo constatare che il documento  sia stato effettivamente depositato,  si può entrare nel fascicolo telematico attraverso il PdA  (oppure puoi anche cercare gli atti di causa attraverso il sito pst.giustizia.it seguendo le nostre istruzioni).

Tra i documenti presenti ci sarà  quello di cui al precedente punto 7)  e cioè l’accettazione del mandato redatta ed inviata coi dettami di cui sopra.



Non sono stato abbastanza esauriente?

La spiegazione non ti basta?
Ti è rimasto qualche dubbio?
Scorri giù e lascia un commento.

Oppure:
RICHIEDI UNA MICRO-CONSULENZA SU QUESTO ARGOMENTO


Prima di andartene…

Ti volevo solo dire che StudioPCG è uno studio di geometri con sede in Firenze (ci potrai conoscere meglio cliccando sul link che precede).


La tua opinione.

Adesso tocca a te.
Cosa ne pensi di questa procedura?
Qual’è quella adottata nel tuo tribunale?
Hai qualche suggerimento?

Aiutaci a rendere più completa questa pagina web, migliorandola con la tua esperienza, a beneficio di tutti.
Puoi farlo anche adesso, lasciando un commento nell’apposito form,
in fondo alla pagina.

© 2014-2015 Gabriele Carniani – Riproduzione riservata


 Ultimo aggiornamento: [rup_display_update_date]



Gabriele Carniani
Social

Gabriele Carniani

Consulente immobiliare e tecnico legale di lunga esperienza.
Da alcuni anni è molto attivo sul web.

Scrive per StudioPCG ed altri siti del settore.
Ha fondato diversi gruppi di discussione tra cui:

Tecnici Forum
CTU Forum.

Puoi trovarli su LinkedIn, Facebook e Google+.
Gabriele Carniani
Social
Taggato , , , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

2 risposte a Pct: il giuramento telematico

  1. sr dice:

    La via più breve per la semplificazione sarebbe ricevere
    via PEC l’ incarico del Giudice attraverso la cancellaria e restituirla firmata digitalmente dal professionista sempre via PEC .
    un KLIC….. zero spese, zero emissioni, più efficienza.

    • Gabriele Carniani dice:

      Salve
      grazie per il post


      in effetti
      la procedura
      potrebbe essere
      ulteriormente snellita
      come dici tu

      grazie ancora

      a presto

      Gabriele Carniani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

  • Iscriviti alla newsletter di StudioPCG

  • Come ripubblicare i nostri contenuti:

    Ai sensi della Legge 62/2001, possiamo dichiarare che il nostro blog non è una testata giornalistica. Infatti i contenuti vengono redatti e trasmessi senza periodicità. Tutti i contenuti sono comunque protetti dal diritto di autore. Con il nostro permesso possono essere copiati e ripubblicati, ma solo seguendo le semplici istruzioni che riceverai contattandoci con l'apposita webpage (menu/contatti).