Le valutazioni immobiliari secondo l’UNI.

#UNI #IVS #EVS
#REV #TEGoVA

Gli immobili ed i metodi di quotazione immobiliare;
ma soprattutto i requisiti del valutatore e la sua certificazione, sono fissati dalla norma UNI 11558:2014.

La norma indica le caratteristiche di qualità dell’esperto estimatore, ed è importante per attività professionale presente e futura.

Ma cos’è l’UNI?
Perchè regola l’attività dei professionisti?
Continua a leggere e ti farai un’idea.

valutazioni quotazioni immobiliari - studiopcg - consulenze immobiliari in firenze - geometri pezzoli carniani


1. L’UNI e le norme volontarie.

L’UNI è l’ente nazionale italiano di normazione (o unificazione).
È un associazione privata (senza fini di lucro) che emette norme tecniche molto specifiche.
Le sue regole possono condizionare l’esercizio della professione dei tecnici, influendo – di fatto – anche nella vita di ogni giorno, del singolo cittadino.

Nell’intento – beninteso – di migliorarla.

Tali norme sono volontarie; tuttavia possono assumere un alto livello di cogenza, e cioè quando un organo istituzionale decide di adottarle.
O quando vengono espressamente richiamate in una legge dello stato.

Ma come può un ente privato – i cui membri non sono diretti rappresentanti della cittadinanza – emettere norme che valgono per tutti?
E – se l’UNI è privata – di chi è?

2. Cos’è l’UNI e chi sono i suoi soci.
I soci sono più di quattromila, e si tratta – per la maggior parte – di organismi autorevoli che godono da sempre della fiducia di tutti (università, industrie, banche, ecc.).
A differenza degli organi legislativi istituzionali, l’UNI gode – per così dire – di un “investitura” che non viene dalla base (elettorato), ma dall’alto.
L’UNI è infatti riconosciuto come ente di normazione dallo stato italiano e dalla comunità europea.

Ma in quale campi interviene?
Quali sono le norme più famose?


3. Cosa sono le norme a valenza cogente.
Sono molte – ormai – le norme che hanno assunto valenza legislativa.
Un esempio che vale su tutti è il dlgs 115/08.
E’ una legge dello stato che regola l’efficienza energetica, e lo fa richiamando esplicitamente la norma UNI TS 11300.


Questa norma è stata oggetto di un episodio abbastanza emblematico.

Infatti – nell’Ottobre del 2014 – è stata modificata da un giorno all’altro dal CTI (comitato termotecnico italiano, ente federato all’UNI).
E di colpo
sono divenuti obsoleti tutti i software per redigere le attestazioni di prestazione energetica (APE) .
Incluso il docet, software gratuito sviluppato da enti pubblici.
Niente di meno che:
ENEA (MISE)
e CNR (MIUR).

Vedere per credere.

Questo episodio ha mostrato – in tutta la sua evidenza – la grande importanza dell’UNI e le sue norme.
Ed è un aspetto che non può essere smentito.

In buona sostanza:
le norme nascono  volontarie, ma possono diventare cogenti in ogni momento.

Quindi, coloro che svolgono attività regolate da tali norme, fanno bene a rispettarle sin dall’inizio.
Altrimenti il loro operato potrebbe divenire quasi “fuori legge” da un giorno all’altro.


4. Il valutatore immobiliare.

La maggior parte dei tecnici stimano da sempre case e terreni secondo i criteri tradizionali, studiati ed imparati a scuola.
Ma da tempo si stanno facendo largo metodi scientifici (principalmente IVS ed EVS), che riducono al minimo la discrezionalità.
Circoscrivendola – attraverso l’uso di complessi modelli matematici e statistici – a vantaggio della precisione del risultato finale.

La norma UNI 11558:2014, detta una serie di requisiti che il valutatore immobiliare deve possedere per dirsi tale, ed esercitare la professione.

Ma quali sono questi requisiti?
Quale peso viene dato ai metodi IVS ed EVS?



5. Quali sono i requisiti del valutatore immobiliare.

I requisiti del consulente estimatore – riassunti in breve – sono quelli che seguono:

  1. che la legge non gli impedisca di svolgere tale professione (scontato),
  2. che sia in possesso di un diploma di istruzione di secondo grado (si noti che non è richiesta l’iscrizione ad un albo),
  3. che  abbia maturato esperienza specifica per almeno tre anni.


6. Altri importanti requisiti.
Vi sono inoltre le caratteristiche che seguono:

  • comprovate conoscenze in materia di estimo, economia, diritto, matematica finanziaria, statistica, catasto, urbanistica, statica, efficienza energetica, fiscalità degli immobili;
  • abilità e competenze nella redazione del rapporto di valutazione (relazione di stima) e nella ricerca di parametri, e processi di sviluppo del mercato secondo gli IVS ed EVS; e cioè gli standard di valutazione internazionali ed europei;
  • formazione continua con almeno 60 crediti formativi professionali in un triennio;
  • validazione, attestazione, o certificazione dei requisiti suddetti da parte di un ente titolato (ISO  17024);
  • garanzia assicurativa (il valutatore deve essere assicurato);
  • il perito estimatore deve essere animato da correttezza, responsabilità e moralità;
  • la sua attività deve rispettare le leggi, e deve essere improntata alla massima lealtà, chiarezza e correttezza nei confronti dei colleghi, e del committente che va informato in caso di eventuali conflitti d’interesse.



7. La formazione continua.

I 60 crediti formativi professionali (CFP), devono derivare da esperienze formative ricomprese, nelle materie di seguito riassunte.

  • estimo e valutazione,
  • economia e mercato immobiliare,
  • diritto pubblico e privato,
  • urbanistica,
  • matematica finanziaria,
  • statistica,
  • catasto,
  • statica e meccanica delle strutture,
  • ambiente ed efficienza energetica,
  • fiscalità immobiliare.

8. Chi può adottare la norma UNI 11558:2014.
Quali enti potrebbero richiedere all’esperto estimatore di rispettare la norma in esame?
L’UNI li indica nel preambolo.

E cioè: banche (stime per richiesta mutui o finanziamenti), tribunali (stime per aste giudiziarie o aste immobiliari), società, fondi d’investimento, organi di vigilanza, agenzie di rating.


9. Cos’è la certificazione dello stimatore.
La valutazione del professionista tiene conto del curriculum (con perizie estimative di corredo), e di esami scritti e orali.
Il valutatore può essere certificato da:

  • camere di commercio,
  • scuole ed università
  • collegi, ordini od associazioni di categoria,
  • organismi di certificazione accreditati, che operino secondo la norma UNI CEI EN ISO/IEC 17024.

Un esempio?
Il consiglio nazionale dei geometri e dei geometri laureati possiede lo status di organismo competente (AMA), per la procedura di concessione (ai suoi iscritti) del “REV – Riconoscimento Europeo per il Valutatore” (vai al sito, cliccando sulla scritta azzurra).



Per approfondire.


Non sono stato abbastanza esauriente?
Lascia un commento, scorrendo giù.
Oppure

RICHIEDI UNA MICRO-CONSULENZA SU QUESTO ARGOMENTO



Prima di andartene…

Ti volevo solo dire – se non lo sai già – che StudioPCG è uno studio di geometri con sede in Firenze (ci potrai conoscere meglio cliccando sulla scritta blu).

Oppure seguendoci attraverso il tuo canale preferito,
cliccando sui link qui sotto:

Facebook
LinkedIn
Google+
Twitter
Pinterest
Tumblr
Flipboard
Reddit

Inoltre:
se questa pagina web ti sembra utile, 
puoi condividerla nel tuo social preferito
cliccando sui bottoni qui sotto.
[social_share/]

La tua opinione.

Adesso tocca a te.
Ti sembra giusto che le norme UNI riguardino tutti?
Era apparsa questa notizia sul sito del tuo ordine o collegio?
Hai qualche suggerimento?

Aiutaci a rendere più completa questa pagina web, migliorandola con la tua esperienza, a beneficio di tutti.
Puoi farlo anche adesso, lasciando un commento nell’apposito form,
in fondo alla pagina.
© 2014-2016 Gabriele Carniani – Riproduzione riservata

Ultimo aggiornamento: [rup_display_update_date]

image credits:
courtesy of public-domain-image.com


Gabriele Carniani
Social

Gabriele Carniani

Consulente immobiliare e tecnico legale di lunga esperienza.
Da alcuni anni è molto attivo sul web.

Scrive per StudioPCG ed altri siti del settore.
Ha fondato diversi gruppi di discussione tra cui:

Tecnici Forum
CTU Forum.

Puoi trovarli su LinkedIn, Facebook e Google+.
Gabriele Carniani
Social
Taggato , , , , , , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

4 risposte a Le valutazioni immobiliari secondo l’UNI.
#UNI #IVS #EVS
#REV #TEGoVA

  1. Pippo calo dice:

    Dott. Marturano si guardi cosa richiede la norma UNI 11558 come competenze per poter essere valutatori, poi mi saprà dire se i commercialisti possono esserlo

  2. aldo marturano dice:

    Mi permetto di ricordare che i dottori commercialisti hanno per normativa la deputazione ad essere valutatori.art. 31 DPR 645 DEL 1994 .
    Ovviamente questi professionisti devono sapere leggere i dati tecnci forniti dai geometri, ingegneri ed architetti per considererli negli ambiti economici giuridici che l’estimo come momento dell’econmia analizza per la determinazione del valore. Pochi hanno capito che un collegio formato da diversi saperi professionali potrebbe portare all’obiettività il valore di stima. Alcuni magistrati hanno tentato proprio per evitare che l’ingegnere aerospaziale , meccanico, elettrtecnico ect, vada ad interessarsi di questioni economiche legate all’edilizia ed all’urbanistica. Naturalmente ci sono delle pregevoli eccezioni!

  3. Francesco dice:

    Multinazionali, banche e grandi capitalisti tramite le Agenzie di rating impongono le scelte agli Stati sovrani, Società Private, avamposto dell’industria, suggeriscono le Norme, come se già non ce ne fossero abbastanza, ad uno Stato che oltre agli Istituti Superiori annovera nel proprio organico 20 Comitati Tecnico Scientifici Nazionali

  4. Francesco dice:

    errata corrige:
    … Comitati Tecnico Scientifici Regionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

  • Iscriviti alla newsletter di StudioPCG

  • Come ripubblicare i nostri contenuti:

    Ai sensi della Legge 62/2001, possiamo dichiarare che il nostro blog non è una testata giornalistica. Infatti i contenuti vengono redatti e trasmessi senza periodicità. Tutti i contenuti sono comunque protetti dal diritto di autore. Con il nostro permesso possono essere copiati e ripubblicati, ma solo seguendo le semplici istruzioni che riceverai contattandoci con l'apposita webpage (menu/contatti).