i 7 requisiti necessari
per lavorare col processo telematico.

#PCT #PEC #ReGIndE
#imbustatore #PDA

Ultimo aggiornamento: [rup_display_update_date]


[social_share/]

Del processo telematico avrai già letto tanto.

Ma non sempre si scrive con chiarezza e semplicità.

Con questo breve approfondimento cercheremo di riepilogare, in maniera rapida e concisa, le poche cose che sono indispensabili per lavorare col PCT.

processo-telematico-posta-elettronica-certificata




1. La firma digitale.

Senza un dispositivo di firma digitale non puoi accedere al reginde, non puoi firmare i tuoi elaborati, e non puoi consultare i fascicoli telematici.

Non ce l’hai?

Procuratela prima possibile.
(token, penna usb, smartcard, ecc.)

2. La posta elettronica certificata.

Per le professioni ordinistiche è obbligatoria dal 2009.

Sei un architetto, commercialista, geometra, ingegnere, medico legale, notaio o perito?

Se ancora non ce l’hai, comincia subito a guardarti intorno.

Ma è inutile perder tempo con quella gratuita, offerta dallo Stato ad ogni cittadino (al sito www.postacertificata.gov.it ).

Quella, per il processo civile telematico, non serve (e comunque quel servizio finirà a breve).


3. L’iscrizione al reginde.

Per gli avvocati è semplice: ci pensa l’ordine (glielo impone la legge).

Ma per gli altri SAE?

(non sai cosa sono? consulta la voce su wikipedia, cliccando qui)

Non tutti i collegi, ordini ed associazioni professionali si sono attivati.

Del resto sono pochi, tra gli iscritti, quelli che sono anche ausiliari del giudice.

Ma è così importante il reginde?

Sì.

E i motivi sono tanti.

Ma ce ne è uno su tutti.

Se c’è una minima imprecisione, le comunicazioni di cancelleria tornano indietro.

Se sei un CTU, e un magistrato ti nomina, potresti rimanerne all’oscuro per sempre.
Se invece sei un legale, le conseguenze potrebbero essere persino peggiori.

Quindi è meglio controllare periodicamente i dati di iscrizione.

Siccome l’indirizzo elettronico (per legge) si può cambiare solo a Gennaio e Luglio, io accedo al reginde per controllare i miei dati, sempre a ridosso di quei periodi.

Ma come si verificano i dati del reginde?

Non è così difficile entrarci, ma a volte si presentano problemi nella fase di autenticazione.

Se vuoi, prova ad entrare nel reginde attraverso le istruzioni presenti sul nostro sito (cliccando sulla scritta azzurra).

Ma vediamo adesso quali sono gli altri requisiti indispensabili.


4. Una cosa scontata ma non troppo.

Se sei un ctu devi essere iscritto all’albo di un tribunale, e/o essere in possesso di una nomina da parte di un giudice.
Indispensabili per l’eventuale iscrizione al reginde.


5. Il redattore atti.

Viene anche detto imbustatore; di solito è un programma da installare sul computer.

E serve per inserire nella busta telematica, i file che vuoi mandare in tribunale.

Il software viene di solito fornito da un punto d’accesso al PCT.


6. Il PDA.

Ci sono molti redattori atti, e alcuni sono gratuiti.

Ma per ottenerli ti devi iscrivere ad un punto d’accesso al PCT.


7. Hardware e software.

Per completare il quadro ci vogliono anche:

computer,
connessione adsl,
scanner,
editor di testo tipo word, openoffice ecc.

Cose scontate, ma non troppo.

Soprattutto per un consulente vecchio stampo, come me.

Per approfondire.

Prova adesso a consultare un fascicolo telematico.

Leggi la pagina web che dedichiamo ai PDA.

Consulta la lista ufficiale dei redattori atti gratuiti, cliccando qui.

Oppure

RICHIEDI UNA MICRO-CONSULENZA SU QUESTO ARGOMENTO


Prima di andartene…

Ti volevo solo dire che a breve inaugureremo il canale youtube StudioPCG (ti puoi già iscrivere cliccando sulla scritta blu).

Inoltre:
se questa pagina web ti sembra utile
torna su,
per condividerla nel tuo social preferito.

 

La tua opinione.

Adesso tocca a te.

Cosa ne pensi del processo telematico?

L’hai già usato?

Hai qualche suggerimento?

Aiutaci a rendere più completa questa pagina web, migliorandola con la tua esperienza, a beneficio di tutti.

Puoi farlo anche adesso, lasciando un commento nell’apposito spazio,

in fondo alla pagina.
© 2014-2016 Gabriele Carniani – Riproduzione riservata

image credits:
courtesy of photorack.net


Gabriele Carniani
Social

Gabriele Carniani

Consulente immobiliare e tecnico legale di lunga esperienza.
Da alcuni anni è molto attivo sul web.

Scrive per StudioPCG ed altri siti del settore.
Ha fondato diversi gruppi di discussione tra cui:

Tecnici Forum
CTU Forum.

Puoi trovarli su LinkedIn, Facebook e Google+.
Gabriele Carniani
Social
Taggato , , , , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

  • Iscriviti alla newsletter di StudioPCG

  • Come ripubblicare i nostri contenuti:

    Ai sensi della Legge 62/2001, possiamo dichiarare che il nostro blog non è una testata giornalistica. Infatti i contenuti vengono redatti e trasmessi senza periodicità. Tutti i contenuti sono comunque protetti dal diritto di autore. Con il nostro permesso possono essere copiati e ripubblicati, ma solo seguendo le semplici istruzioni che riceverai contattandoci con l'apposita webpage (menu/contatti).