Fattura elettronica 2019: come emetterla senza il codice destinatario Sdi.

Sorry, this entry is only available in Italian.

Social

Gabriele Carniani

Consulente immobiliare e tecnico legale di lunga esperienza.
Da alcuni anni è molto attivo sul web.

Scrive per StudioPCG ed altri siti del settore.
Ha fondato diversi gruppi di discussione tra cui:

Tecnici Forum
CTU Forum.

Puoi trovarli su LinkedIn, Facebook e Google+.
Gabriele Carniani
Social
Tagged , , , , . Bookmark the permalink.

40 Responses to Fattura elettronica 2019: come emetterla senza il codice destinatario Sdi.

  1. Anonymous says:

    Come posso fare se un cliente non vuole fornirti i dati per la fatturazione elettronica dopo l’esecuzione di una prestazione?

    • Gabriele Carniani says:

      Salve

      I dati essenziali per la fatturazione elettronica sono gli stessi di sempre

      Non dovrebbe essere difficile reperirli

      Devi fatturare a una azienda o ad una persona fisica?

    • Gabriele Carniani says:

      Davide ciao

      I dati essenziali per la fatturazione elettronica sono gli stessi di sempre

      Non dovrebbe essere difficile reperirli

      Devi fatturare a una azienda o ad una persona fisica?

  2. Anonymous says:

    Come fare se un cliente non ti vuole dare i dati per la fatturazione elettronica dopo numerosi solleciti?

  3. Donatella says:

    Buongiorno,
    io sono un pò in crisi perchè l’azienda per la quale faccio gli acquisti
    richiede che sulla fattura di cortesia appaia il codice univoco
    ma in ogni negozio/centro commerciale in cui mi reco
    mi dicono che non deve apparire in fattura

    però adesso la mia azienda
    non mi permetterà più di farmi fare acquisti
    se non ho l’assoluta certezza
    che sulla fattura apparirà questo codice.

    Secondo me non ha senso
    perchè se la fattura arriva nel cassetto fiscale
    è perchè è stata emessa correttamente e con il codice univoco,
    cosa se ne fanno di questo codice sulla copia di cortesia?

    E’ facoltativo che appaia?

    Grazie mille spero di essermi espressa correttamente,
    premetto che io dell’argomento so zero
    in quanto mi occupo di altro…

    Grazie

    Donatella

  4. Luca says:

    Salve, sono una ditta individuale, un mio fornitore, a cui non avevo ancora comunicato PEC e Codice SDI, ha emesso una fattura elettronica inviandola solo con la mia P.IVA e il codice dei sette zeri. In questo caso avrei dovuto riceverla nel mio cassetto fiscale sul sito dell’ADE, giusto? Però non la vedo! Certo non è insieme alle altre fatture dei fornitori che hanno inviato con il mio codice SDI… in quale meandro del sito dell’agenzia potrei andare a guardare?
    Grazie per l’aiuto, comunque ottimo articolo, esaustivo…

    • Gabriele Carniani says:

      Luca ciao
      Dovresti trovare le tue fatture elettroniche sul sito Fatture e Corrispettivi
      Altrimenti con le credenziali Fiscoonline
      Se invece c’è bisogno delle credenziali Entratel senti il tuo commercialista

  5. Mariantonia says:

    Quando inserisco il codice univoco
    e capita che è lo stesso di un altro cliente
    non me lo salva,
    mi dice che è già registrato.

  6. Stefano Biagini says:

    Salve, ottima guida, ma come mai quando hai messo l’esempio di un codice destinatario nell’art. 1 cos’e il codice sdi, hai messo proprio il mio codice KRRH6B9 ???
    una pura casualita’?????
    saluti…………stefano

  7. gaia says:

    Buongiorno, io sinceramente come modesto parere vedo in questa fatturazione elettronica solo la creazione di ennesima burocrazia a carico dei cittadini, siano essi imprese che cf.
    Perche parlando di piccole imprese , non v è nessun tipo di risparmio anzi il lavoro si è non raddoppiato ma di piu.
    Il sistema di consegna E’ LENTO, prima mandavi una pec con il pdf e nel giro di qualche minuto era a disposzione del cliente, adesso passano anche 5/6 giorni perh questa sia a disposizione, inoltre se uno non ha la cortesia di ELABORARE ANCHE UNA FATTURA VECCHIO MODO IN PDF, mlto pou comprensibile, con la sola fattura elettronica ( oltre ad essere numerosi fogli in piu) è un caos anche capire cosa contenga, basti pensare a chi compra materiali da 20 fornitori, dove il pdf 2018 era composto da oltre 20 pagine, da stampare, per imputare i costi ai vari clienti/cantieri, adesso se 1 solo foglio è diventato 9…non immagino una fattura che prima era 20…
    senza contare che NON CI SI CAPISCE ASSOLUTAMENTE NULLA, uno va ad intuito..
    e secondo loro NON DOVREMMO STAMPARLE??
    ed io come faccio ad imputare i costi su un cantiere?
    cme faccio a valutare se un lavoro che ho eseguito per un cliente con un preventivo è rientrato nei conti previsti, se non stampo una copia cartacea della fattura?? vado ad intuito..?? imputo a caso i costi?
    senza contare che ho necesstia anche di aver un risocntro tra quanto stabilito con il fornitore e quello che effettivamente mi fattura, e non parlo di 1 materiale ma di almeno 1500 voci e passa per una sola fattura…
    non comprendo..bene il fine ultimo di questo adempimento..
    si parla di controllo evasione..
    ma ‘erano gia presenti dati fatture/ liquidazione
    da cui si poteva tranquillamente fare un incrocio dei dai..in queste dichiarazioni contenute..
    ovviamente si parla di false fatturazioni, di fatture non emesse ovvero a nero ecc..e questa dovrebbe arrivare a questo recupero..ma forse non sanno che chi ha questo modo di operare mica va a registrare una fattura elettronica se poi non la vuol far figurare ( gia spesometro dati fattura contenevo questi dati) a mio avviso è solo un modo per arricchire chi sta dietro alle case software..e basta..visto che il sito dell’ag con la sogei..( non presumo sia un gestionale dato in uso gratuito all stato) fanno ricadere inoltre tutto su chi lo utilizza..
    a mio parere è un flop pieno..che non si rende conto dell’ulteriore peso che hanno messo sui cittadini
    e non si venga a dire che l’italia non è digitalizzata..
    prima ci voglipono le basi e poi si fa il resto..
    basti pensare A CHI LAVORA O ABITA in zone senza connessione…
    a mio avviso è buona per chi ha una organizzazione immensa dietro, dove tutto è digitalizzato e dove il costo viene spalmato bene, ma non per le piccole realtà, dove l peso della burocrqzione porta via in media circa 3/4 mesi di lavoro l’anno..e parlo DI FOGLI SU FOGLI E FOGLI, inutili se poi non vengono controllati mai
    parlo ovviamente a chi è in regola e pertanto oberato da questa mole, perche chi fa il nero, chi evade, siceurmante lo farà ancora meglio con la fatturazione elettronica, perche secondo me non ha nemmeno mai fatto il resto degli adempimenti..
    abbastanza arrabbiata, perche chi fa le leggi NON HA MAI LAVORATO, e pensa che chi vive nel mondo comune abbia tutto come loro immaginano..e basta!

  8. Antonio Consorti says:

    sono il presidente di una Onlus, come posso trovare il mio codice univoco?

  9. Anonymous says:

    chiare le spiegazioni !!!! grazie ! mb

  10. PETRIS CARLO says:

    Vorrei sapere se c’è qualche sito dove si può trovare il codice SDI di un’azienda come i fa per il codice fiscale.

    • Gabriele Carniani says:

      Carlo ciao

      Il codice destinatario univoco di un’impresa o di un privato (non PA)
      Non può essere trovato in elenchi pubblici
      Ne può essere “calcolato” come il codice fiscale
      Elenchi non ce ne sono, per lo meno per adesso…

      Grazie

      A presto

      Gabriele Carniani

  11. Davide says:

    Complimenti bella guida.

  12. Basile says:

    Buongiorno Gabriele una domanda ;sono esercente di una attività commerciale ho chiesto il codice a un cliente che faccio la fattura mensile. E’ lo stesso del mio.Chiedo il codice è privato o è dell’ufficio delle entrate?

    • Gabriele Carniani says:

      Di solito il codice destinatario te lo assegnano quelli che ti offrono il servizio di fatturazione elettronica
      Sono loro che
      L’hanno ottenuto dall’agenzia delle entrate
      Se il tuo è uguale a quello di un altro non importa
      Le fatture le smistano lo stesso attraverso i codici fiscali
      Che
      Quelli sì
      Sono diversi

  13. faust says:

    io sarei per una rivolta silente nessuno emette fatture elettroniche , che fanno ci multano tutti , siamo sempre le solite beeeeeeee

  14. Daniele says:

    Buongiorno, sono un artigiano edile io x fattura elettronica ho una penna USB della camera di commercio, ad esempio la discarica pubblica per inviarmi fattura mi chiede la PEC o codice univoco sdi. Quest’ultimo dove lo recupero? Grazie

    • Gabriele Carniani says:

      Ciao Daniele

      Il problema è più semplice di quanti sembri
      Al posto del codice destinatario devono mettere 0000000
      Ed inserire la tua PEC nella fattura elettronica

      A presto

      Gabriele Carniani

  15. Gianluca says:

    …riguardo a artigiani in genere, se aderiscono al regime forfettario non hanno l’obbligo della e-fattura, o sbaglio ?
    Ed anche la trasmissione delle stesse avviene con i vecchi metodi ( raccomandata…) o sbaglio ?

    • Gabriele Carniani says:

      Carissimo Gianluca

      Ti ringrazio per il post
      E per aver fatto chiarezza circa il fatto
      Che la novità della fattura elettronica non riguarda
      Coloro che hanno scelto il regime forfetario
      (fatture rigorosamente cartacee)

      Per adesso …

      Grazie ancora

      A presto

      Gabriele Carniani

  16. Andrea says:

    alla faccia della “semplificazione”

  17. renato says:

    si prosegue a controllare i soggetti già controllati.
    Ho forti dubbi che l’idraulico o l’agenzia immobiliare emettano fattura elettronica,
    e così tante categorie di artigiani e professionisti.

    Chi non emetteva fattura cartacea proseguirà a non emetterla,
    IVA e IRPEF saranno ancora evase.

    Chi emetteva fatture cartacee false proseguirà a farlo con diversa modalità.

    In Italia, chi sa… sa,
    chi non sa… comanda e legifera!!

    • Gabriele Carniani says:

      Renato ciao

      Grazie per il commento

      Caustico ed un po’ pessimistico

      Non mi sono chiesto se la fattura elettronica miri ad un maggior gettito fiscale.

      Immagino di sì.

      Una cosa è certa.
      Per i furbi diventa tutto ogni giorno più difficile.

      Grazie ancora

      A presto

      Gabriele Carniani

    • gaia says:

      Ha perfettamente ragione,
      domanda, il settore sanitario come mai è stato esentato dalla f.e. dicono per privacy…
      ma ….potevano per esempio imporre una dicitura generica nelle prestazioni della fattura elettronca, e poi consegnare a mano al paziente le terapie/cure ecc.. somministrate..no???
      inv3ece quella bella fetta che evade, e come se evade..visto che il risparmio che ti fanno senza fattura/ricevuta è maggiore di quelo che hai portandolo in detrazione ( a differenza di idraulici/elettricisti ecc…per i bonus in circolazione)
      senza contare che come detto..chi non faceva prima figuriamoci se lo fara adesso…
      se io cono un cf…e la ditta mi consegna la fattura a mano..chissa se avrà fatto quella elettronica..chissa…mistero…
      esisteva ed esistono 2 adempimenti..che hanno gli stessi dati della fattura elettronica..da cui desumere eventuali evasioni..perche se tizio volesse evadere sicuramente non si AUTODENUNCIA con una fattura elettronica…
      secondo me..verranno a fare immense sanzioni dal punto di vista FORMALE..e le sanzioni sono pesanti ma fanno sempre CASSA…perche seno non ha senso questo ennesimo adempimento che ci tocca nuovamente le tasche , il tempo….che nessuno ci rimborserà mai!
      .

  18. Anonymous says:

    Caro carniani, non capisco tutto questo entusiasmo. La fattura informatica non è altro che un’ulteriore complicazione. Semplifica solo la vita a quelli dell’agenzia delle entrate. Che poi cela complicano a noi.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

  • How can you publish our content?

    Our content is copyright protected. You can cross-post our content on your blog or website. But first get in touch with us by clicking Menu/Contact Us and filling the form. Thanks.